Le Zeppole di Myrtha!

“Is tzìppulas” sono un dolce di carnevale tipico della nostra isola. La ricetta varia da zona a zona, con alcune costanti fondamentali come la farina, il lievito, l’acqua… e naturalmente il mare di zucchero che hanno quando finalmente possiamo gustarle!

Sapevate che Narbolia, in provincia di Oristano, ha un sagra dedicata proprio a questo golosissimo dolce?

fonte: http://sardegnainblog.it/17516/sagra-della-zipola-narbolia/

Ma anche a Cagliari non siamo da meno…  Esiste una pasticceria, in Piazza Italia a Pirri, che da “soli” 80 anni rallegra le tavole dei cagliaritani (e non solo!) con le loro gustose creazioni dolciarie, tra le quali le nostre amate zeppole!

Ebbene si, stiamo parlando proprio di lei… La storica e altrettanto mitica Pasticceria Mariuccia, che deve il suo nome all’omonima Nonna Mariuccia, scomparsa nel 2011. Siamo riusciti ad estorcere un segreto: le favolose zeppole sono preparare col nostro Liquore Villacidro!

Purtroppo il resto della ricetta è segretissima 🙁

Ma tranquilli, il carnevale è salvo! Farina e Liquore Villacidro alla mano, e prepariamo insieme le Zeppole Made in Pacini!

difficolta

media

 

 

preparazione

1 ora + 5 min

 

 

Ingredienti:

  • 500 g di farina
  • 2 uova
  • 500 ml di latte
  • 1 arancia
  • 15 g di lievito di birra
  • Mezzo bicchierino di Liquore Villacidro Pacini
  • 200 g di zucchero
  • Olio di semi per friggere
  • Sale

Procedimento:

Iniziate grattugiando la buccia dell’arancia e spremendo il succo. Dopodiché stemperate il lievito in mezzo bicchiere di acqua tiepida.

In una terrina versate la farina, le uova, un pizzico di sale, la buccia e il succo dell’arancia, e iniziate ad impastare. Potete usare anche una planetaria con l’apposito gancio da impasto (e risparmiare tempo!).

Continuando ad impastare, aggiungete il latte a piccole dosi. Per ultimo unite il lievito, e continuate ancora ad impastare. Pestate qualche volta l’impasto sul tavolo, in modo che incorpori aria.

Coprite l’impasto e fatelo lievitare al caldo finché raddoppia di volume: capirete di essere arrivati alla giusta lievitazione perché sulla superficie appariranno delle bollicine!

In una padella larga e capiente scaldate abbondante; controllate la temperatura inserendo uno stecchino o un pochino di impasto: se sfrigola, è caldo al punto giusto!

Versate ora una mestolo di impasto in un largo imbuto e fatelo colare nell’olio.

Ora arriva la parte divertente! Facendo colare l’impasto dall’imbuto dovete compiere dei movimenti a spirale partendo dal centro della padella verso l’esterno, in modo da dare alle zippulas la loro forma caratteristica.

In alternativa potete prendere con le mani leggermente bagnate un po’ di impasto e creare un anello mantenendo bene distanziati i bordi del centro 😉

Quando le zippulas sono ben dorate da entrambi i lati scolatele, fatele asciugare sulla carta assorbente da cucina e cospargetele di zucchero.

Servitele subito!!!

 

PS: alcune ricette prevedono l’utilizzo di altri liquori, come l’acquavite o il liquore all’anice. Noi vi proponiamo il nostro Fil’e Ferru, la nostra Sambuca oppure la nostra Anisette 😉

Related post